Post

Inaspettatamente

Nina – Io non sono te è un dark action ed è il primo volume di una trilogia.

Nasce senza alcuna pretesa di pubblicazione, come un gioco e solo per nutrire la neonata voglia di comunicare me stessa in modo non così evidente.
Inaspettatamente vince i Wattys 2018 nella categoria Breakthrough, così decido di pubblicarlo da indipendente.

Il romanzo tratta di una realtà autentica, poiché ambientato in uno dei Campi di Addestramento che hanno reso tanto famose le spie russe del KGB degli anni ’90.
Paradossalmente non se ne fa menzione, dato che il primo volume è fortemente votato alla focalizzazione su pochi personaggi, alla umanizzazione degli stessi e alla descrizione dei primi legami che nasceranno.

Non è un fantasy (in più di un’occasione qualcuno lo ha definito tale) e me ne rammarico spesso, dato che le tinte a mano a mano che la lettura procede divengono sempre più drammatiche, nere, ma difatto reali.

Il mio primo romanzo

Nina – Io non sono te è il mio primo romanzo.

Un libro nato per serendipity… sì, beh, conoscete la favola de “I tre principi di Serendip”, che partirono cercando qualcosa e trovarono invece tutt’altro? Così è accaduto anche a me: tentavo di comunicare un messaggio, e sulla strada mi sono imbattuta in dinamiche completamente nuove che hanno deviato il corso del mio viaggio.

Questo libro infatti è frutto di una scelta non programmata.
Ero impegnata nella stesura di una narrazione di diverso genere, quando mi sono ritrovata a delineare i tratti di una donna fiera e forte, Nina, un personaggio secondario di un testo poi rimasto inconcluso.
Posta inizialmente in una condizione più che marginale, a mano a mano che la scrittura procedeva Nina acquisiva definizione, contorni, carattere, rilevanza, fino a quando non ha letteralmente spinto affinché il suo passato venisse raccontato.

È in questo modo che, ancora inconsapevole della strada che questa nuova figura avrebbe imboccato, ho poi scelto di dedicarmi completamente a lei; ho messo da parte ogni remora e mi sono tuffata in un mondo nuovo fatto di azione, combattimenti, training, complotti, vendetta: quanto mai avrei voluto facesse parte delle mie opere.

È nato così “Nina”, un libro con un potenziale immenso che raccontato per intero avrebbe superato il migliaio di pagine, per questo motivo dopo qualche mese ho deciso di suddividerlo in volumi, quelli che oggi compongono la trilogia.
“Io non sono te”, il primo capitolo della saga, vede protagonista l’evoluzione, la crescita, la determinazione di una giovane, che per forza di cose imparerà ad affrontare una parte di mondo estremamente cruda.